Juicing Parte II

Le Centrifughe ed i Contenitori

Ci sono diversi tipi di macchine per i succhi, e personalmente io ho usato solo le Centrifughe. In molti juice bar usano questa tipologia di macchina. Ogni tanto loro hanno anche un altro tipo di juicer, ad esempio per l’ erba di grano. Anche i “slow juicer” si vedono nei bar, che sono un tipo di centrifughe masticanti.

Le Centrifughe sono la via piu’ facile per fare i succhi e per la pulizia (che e’ importante perche’ significa che farai piu’ succhi!) Le centrifughe hanno una grande imboccatura, cosi’ che tu non debba tagliare la frutta e la verdure prima di fare il succo. La verdura e la frutta sono compattate atraverso l’ imboccatura con un filtro che, girando velocemente, trita i prodotti cosi’ che il succo va da una parte e le fibre e la polpa da un’ altra. La controparte delle centrifuge e’ che il succo si ossida velocemente rispetto alle altre tipologie, poiche’ la velocita’ di rotazione e’ alta.

TiffanysLemons Centrifugal Philips Avance

La nostra centrifuga! Sulla instagram di Catt (cattkaizen)

Siccome gli enzimi nel succo si rilasciano con ossigeno, hai bisogno di bere il succo in 20-30 minuti. Se vuoi tenere il succo per dopo, puoi sigilarlo in un barattolo (Quattro Stagioni e’ una buona scelta) e metterlo in frigerifero, ma riempilo fino al limite e chiudilo stretto cosi’ che ci sia meno ossigeno possibile a ossidare il succo. Io consiglio comunque di non lasciarlo per una notte, perche’ potrebbe essere un po’ strano. Un altra buona scelta che facciamo e’ di conservarlo in un contenitore sotto vuoto – abbiamo preso i nostri da Stoneline. Questo funziona meglio del barattolo, ma anche cosi’ non lo lasciarei per una notte. Puoi agguingere il ghiaccio per aiutare gli enzimi a stare vivi, e dopo mettilo nel frigerifero.

omega_vrt350_250pix

Masticating juicer, verticale (si chiamano estrattore qualche volta) (google images)

Twin-Gear Juicer

Twin-Gear Juicer (google images)

Delle altre centrifughe comune sono Le Centrifughe Masticanti, che lavorano come i nostri denti, e le Twin gear, che centrifugano il succo molto lentamente. Questi succhi durano molto di piu’, anche piu’ di 72 ore, e possono creare succo da germogli e da erba di grano, cosa che le centrifughe normali non fanno. Richiedono pero’ piu’ tempo per la preparazione, e personalmente non avendole mai usate prima non posso scrivere molto di piu’ a riguardo. La cosa piu’ importante in fondo e’ utlizzarle il piu’ possible! Se hai un juicer spettacolare, ma poiche’ e’ fastidioso da usare e pulire non l’usi, a cosa serve?

Prossimo articolo: per cominciare!!! Stay tuned!!

(Note: We are not affiliated with Stoneline or QVC or any of the juicer companies in the photos)

Juicing..Parte 1!

Noi facciamo i succhi quasi ogni giorno, al meno tre volte una settimana. E’ una cosa fondamentale per la nostra dieta. L’anno scorso, abbiamo fatto un “5-Day Juice Cleanse” – per cinque giorni avevamo solo i succhi, senza mangiare niente eccetto una banana o un’avocado al giorno. Non mi ricordo quanto peso abbiamo perso, pero per me (Catt), la mia pancia era completamente piatta come un pancake! Dopo il detox, abbiamo fatto una guida al juicing per questo blog, e vogliamo condividerla adesso in parti. Ci saranno tutte le informazioni che conosco riguardo al juicing, dai centrifughi e come si crea un succo a tutti i tipi di frutta/verdura e come si usano con tante ricette che amiamo. E’ una guida completa per chi vuole cominciare a fare juicing, e speriamo che a vi piaccia!

juices

Cos’e’ “Juicing”?

“Juicing” (letteralmente “succhi” in italiano centrifugati) e’ un processo con il quale viene estratto il succo dalla frutta e dalla verdura, separandolo dalle fibre. Il motivo per separare il succo dalla polpa e’ poiche’ in questo modo e’ facilmente digeribile e assimilabile, permettendo al corpo di fare quello che necessita: ringiovanire e rinnovare se stesso. Quando mangiamo , il nostro corpo lavora duramente per separare le fibre dai succhi in modo i succhi possano essere assimilati. Le fibre possono dare al tuo intestino una bella pulita, ma non possono penetrare le barriere intestinali. Questo e’ quello che fa la centrifuga – il succo e’ “predigerito” e la centrifuga fa tutto il lavoro di estrarre i liquidi dalla frutta e la verdura. Come risultato, il corpo usa le sue energie in maniera piu’ ottimizzata su alri processi. “Juicing” e’ la maniera piu’ facile per ottenere fitonutrienti nella maniera piu’ assorbibile poiche’ i nutrienti vanno direttamente nel sangue. Juicing e’ veramente importante per uno stile di vita alcalino – le cellule nel corpo danno il loro meglio in un ambiente leggermente alcalino, che si puo’ raggiungere con una dieta ricca di piante ad alto contenuto di minerali e a bassa lavorazione e di prodotti animali. Super alcalini sono cose del tipo foglie verdi, erba di grano, vegetali e certi cereali.

 

Perche’ “Juice”?

Uno stile di vita, e una dieta anti infiammatoria e plant-based (letteralmente a base di piante, da non confondere con vegetariana), ha il potere di cambiare e guarire il tuo corpo come null’altro(nessun massaggio o viaggio in montagna). E’ la liberta’ di avere una pelle morbida e luminosa, piu’ energia, essere piu’ magri, avere sonno migliore, feci morbide, bilanciato livello di zuccheri nel sangue, meno sinusiti, meno malattie, per non menzionare un vita sessuale migliore! Questo e’ reale e tutto quello che pensi che puoi ottenere da pillole e medicine puoi averlo facendo una vita salutare usando molti succhi e una dieta plant-based.

 

Prossimo articolo: le centrifughe e contenitori!

(foto da google images)

I Cookie per il Compleanno!

4ofjuly

Ciao tutti! Ecco Catt! Domani è il compleanno dell’ indipendenza degli Stati Uniti, ed anche il mio compleanno! Questi giorni stavo provando qualche esperimento con il forno, e volevo condividere la ricetta per una tradizione e classicissima americana – Chocolate Chip Cookies! (CCC!) Ho sentito che sono chiamati “cookie” qua, lo trovo divertente perché negli Stati Uniti i cookie sono tutti tipi di biscotti, non solo Chocolate Chip Cookies. Questo blogpost è scritto su richiesta di qualche persona che ha provato i miei cookies in questi giorni. Non è una ricetta plant-based/salutare, ma le cose buone sono salutari per la mente e la felicità, e sono sempre d’accordo con le cose che mi rendono felice 🙂 Questa ricetta è tratta dal New York Times, con i miei tips da tanti anni di esperienza per fare i biscotti di gocce di cioccolati perfetti. Ho scritto con voi italiani in mente e le cose che si trovano negli supermercati qua.

I Cookie Classici Americani dal Forno di Catt
questa ricetta mi ha datto circa 40 biscotticookies

Ingredienti

  • 440mL farina per torte (fatta con amido di mais)*
  • 490mL farina per tutte le preparazioni
  • 6.25mL bicarbonato di sodio (bicarbonato)
  • 7.5mL lievito vanigliato
  • quasi 10mL (po’ meno) sale grosso
  • 280g burro, a temperatura ambiente
  • 250mL zucchero di canna (colore nocciola)
  • 230mL zucchero bianco (normale)
  • 60mL zucchero marrone compatto (brown sugar, non è facile da trovare qua pero se non lo trovi, usa quello colore nocciola)
  • 2 uova grandi
  • 12mL estratto di vaniglia (o aromi di vaniglia)
  • 300g gocce di cioccolato fondente

Metodo
1. Unisci e mescola con un setaccio le farine, bicarbonato, lievito, e sale.
2. In una ciotola grande, “crema” il burro con gli zuccheri mescolati (unisci il burro con gli zuccheri – è importante che il burro non sia né liquido né duro).
3. Aggiungi un uovo al burro/zucchero e mescola. Aggiungi l’altro uovo e mescola.
4. Aggiungi l’estratto di vaniglia e mescola.
5. Aggiungi lentamente (non troppo per volta) la mistura di farina (da step 1) e unisci tutto.
6. Aggiungi 200-250g di gocce di cioccolato fondente, e mescola fino a che sono distribuite in modo uniforme nel impasto.
7.  Copri l’impasto con la pellicola e metti nel frigorifero per 24 ore o più.
8. Quando l’impasto è pronto, pre-scaldare il forno a 175C, e metti la carta da forno sul due teglie da forno.
9. Fa’ l’impasto a palline – io faccio tra 35-40g, un po’ più piccola di una pallina da golf, e metti sulla teglia da forno (io metto 8 in una volta in tre righe (3-2-3)).
10. Opzionale: metti qualche goccia di più sulle palline.
11. Spolvera un po’ di sale fine sulle palline.
12. Cuoci al forno per 12-18 minuti (in base della temperature del impasto), fino ad i bordi dei biscotti sono un po’ marrone.
13. Rimuovi la teglia dal forno e metti i biscotti sul una gratella per far raffreddare i biscotti
14. Ripeti gli step per cuocere i biscotti, fare attenzione che le teglie non siano calde quando metti le palline.
15. Buon appetito e buon 4 di luglio! xxCatt

*la farina per torta si può fare con la farina per tutte le preparazione: per ogni 250mL, togli 30mL;  sostituisci con 30mL di amido di mais.

cookies2

California Route 66

California Route 66 – Dove Catt va a Scuola
Scritto da Catt, Tradotto da Pietro

Route66.3Io frequento un college a Est del area di Los Angeles. Si può dire che è un bel posto – il tempo è quasi sempre perfetto (credo che piova circa 5 giorni ogni semestre) e le persone sono tutte “aperte e amichevoli”. Una parte dell’Università che frequento è connessa alla Route 66, la storica strada che corre da Chicago passando per il Missouri, il Kansas, l’Oklahoma, il Texas, ilNew Mexico, l’Arizona e, finalmente, la California. La Route 66 è servita come maggior luogo di passaggio per l’immigrazione verso l’Ovest, ed è una cosa “Cool” che la mia scuola sia lì! Quando Pete è venuto qui abbiamo guidato lungo la Route 66 e si posso vedere i cartelli lungo tutta la strada e dei bellissimi appartamenti che fanno orgogliosamente mostra di sé sulla Route 66

Cosa c’è qui in zona? Dunque l’area è perlopiù una zona suburbana, quindi non ci sono molte macchine e negozi – Route66.2perlopiù solo alimentari, e si può facilmente raggiungere in macchina un “nice” supermarket o c’è un bel centro commerciale un po’ più in là. C’è un “village”, un piccolo centro abitato, per via del college con decine di ristoranti o negozietti che vendono la qualunque come antiquariato o gioielli fatti a mano.

“Il villaggio” comunque, è molto differente da una città come Milano. A Milano ci sono centinaia di negozi con cose utili per esempio articoli da cucina o abbigliamento per tutto le tasche. Invece nel “village”  ci sono negozi tipo American Apparel, e ristoranti perlopiù. Nessuna panetteria (anche se in US si prende il pane al supemarkets, e non è propriamente fresco come in Italia – tipo per esempio il pane che puoi comprare al Esselunga) nessuna pasticceria, non è un posto dove si passeggia a meno che non si stia aspettando un tavolo per la cena. Non c’è neppure alcun tipo di vita notturna – nessun aperitivo o discoteca, anche se i ristoranti hanno il bar (questo non significa che non ci sia una vita notturna in college – fidatevi di me, c’è!)

Un’altra cosa interessante è che tutte le case sono differenti. Puoi guidare lungo la strada e ci sono solo case (so che una cosa un po’ difficile da descrivere se si è vissuto solo a Milano o in un posto simile). Sono solo case indipendenti. C’è un sacco di spazio in US (anche se questo dipende, questo non è vero a New York) quindi le persone prendono un pezzo di terra e hanno un giardino che da sulla strada e un giardinetto interno con alberi di limoni e altre cose ( io sono cresciuta con  un bel albero di mele). Le case solitamente sono a due piani e una mansarda ( noi avevamo una mansarda, ma era veramente “paurosa” e non ci sono mai salita). La cosa sorprendente è che non c’è nulla di simile in italia e neppure a Londra dove le villette indipendenti hanno lo stesso stile. No, gli americani costruiscono e disegnano la loro stessa casa! Ogni facciata è differente ed è sempre addobbato in base al periodo. I più importanti sono Natale (ovviamente), Thanksgiving (il ringraziamento) e Halloween. Ogni tanto, nel periodo natalizio si può guidare di notte per ammirare gli addobbi luminosi, così diversi uno dal altro. Non potete immaginare quanto siano creativi gli Americani! Ogni casa ha il suo stile e design- letteralmente non ci sono due case che siano anche lontanamente simili. E ci sono alberi. Centinaia di grandi alberi dalle fronde bellissime che diventano rosse e marroni durante l’autunno(ci sono alberi differenti in ogni strada).

Potete immaginare quanto magnifico è durante la fine dell’estate e in primavere quando vado in bici lungo le vie e guardo in altro e vedo il cielo tra i rami. I veramente un luogo meraviglioso, è veramente magnifico in un maniera molto diversa dal Italia! Amo l’architettura di Milano,  ma lo spazio libero in California ti fa sentire bene in una maniera inusuale – per esempio puoi essere quello che vuoi ed è ok.  È come se tu possa decidere cosa vuoi della tua vita e puoi realizzarlo nella maniera che desideri. Ovviamente è un poco idealista, come tutti gli americani sono ossessionati con cosa gli altri pensano di loro e in questo modo perseguono soldi e libertà nello stessa “maniera imprigionata” che le persone con culture tradizionali perseguiscono gli ideali della tradizione. Ma credo di preferire la via di vivere apertamente- anche se esso non è completamente aperto, si hanno più opportunità e scelte rispetto a luoghi tipo Taiwan o L’italia. Di sicuro ci sono luoghi ( specialmente nelle aree più povere dove molte strutture sono case pubbliche – ne ho viste alcune quando andavo a scuola in Ohio) dove non è affatto bello, l’unica cosa interessante è il Mc Donald’s, e tutte le case sono tutte uguali di un marrone neutro. Io vivo in un area più ricca del paese ma comunque non è come Beverly Hills.

Come dice il proverbio una foto vale più di mille parole, ma io in realtà non ho alcuna foto. Usate Google “California suburbana neighborhood” su google immagini  così da avere un’idea di cosa sto parlando.

Xxx,

Catt